Finanza istituzionale: il 70% scommette sulle Criptovalute

Un rapporto pubblicato oggi dalla società di consulenza Greenwich Associates afferma che oltre il 70% dei dirigenti di finanza istituzionale intervistati ritiene che la criptovaluta avrà un posto nel futuro del settore.

“Ci stanno dicendo che non pensano che stia andando via e che è qui per restare”, dice Richard Johnson, vicepresidente di “Market Structure and Technology group” di Greenwich Associates e autore del rapporto.

Il nuovo sondaggio ha rilevato che la maggior parte dei 141 dirigenti d’investimento istituzionali che ha intervistato ritiene che un quadro normativo si svilupperà attorno alle criptovalute, portando alla crescita e all’innovazione, o che alcune criptovalute sopravviveranno e prospereranno, anche se molti altri falliranno. Il 10% degli intervistati ritiene che le criptovalute rimarranno una classe di attività marginale senza adozione generalizzata, e un altro 10% ha affermato che un giro di vite regolamentare eliminerà del tutto il mercato.

Crypto market expectations
Crypto expectations
Indagine su 141 dirigenti finanziari riguardanti il ​​futuro della criptovaluta nell’industria GREENWICH ASSOCIATES

 

È stato un anno indiscutibilmente difficile per i beni digitali: il mercato è sceso di oltre il 70% dal picco di gennaio e l’incertezza normativa continua a gettare un’ombra sui progetti nuovi e consolidati. Il mese scorso, la SEC ha respinto nove documenti per gli ETF bitcoin e, nonostante alcuni progetti e partnership di alto profilo, come il Bakkt della Borsa intercontinentale,  la recente espansione blockchain della Northern Trust e l’esplorazione di Citigroup delle soluzioni di criptovaluta, la partecipazione istituzionale alla criptovaluta rimane relativamente bassa.

bitcoin hedge fund

Il rapporto identifica due aree principali in fase di sviluppo che potrebbero contribuire a rendere la criptovaluta più accessibile a banche, gestori patrimoniali, hedge fund e altre grandi organizzazioni: la finanziarizzazione, che comporta lo sviluppo di prodotti come i futures e gli ETF che consentono alle istituzioni di acquisire maggiore esposizione alle criptovalute e la custodia, che ha a che fare con il modo in cui la criptovaluta viene archiviata dal suo proprietario.

Johnson riconosce queste battute d’arresto, ma afferma che il suo sondaggio indica un sostenuto ottimismo nello spazio. Ha citato i due stablecoins di Gemini e Paxosche sono stati approvati questa settimana dal  Dipartimento dei Servizi Finanziari di New York come prova del progresso istituzionale nella criptovaluta. “Quest’anno abbiamo avuto un terribile mercato per la cripto, ma le persone stanno ancora uscendo con una grande innovazione e molte grandi idee”, dice. 

Finanza istituzionale: il 70% scommette sulle Criptovalute ultima modifica: 2018-09-16T14:54:17+02:00 da MonetaCrypto

Lascia un commento